Parte 1

Le Porsche 935 corsero nel Gr5. Le coperture del corpo sono state mantenute quelle della 911, ma vi sono state apportate modifiche illimitate. In dieci anni di gare la 935 colse vittorie su tutti i circuiti del mondo. Nel 1978 fu progettata una nuova 935, vettura molto bassa con un telaio tubolare e con un motore 6 cilindri nuovo, raffreddato ad acqua, con testata a quattro valvole per cilindro e quattro alberi a camme con più di 800 CV. Norbert Singer presentò una evoluzione di 935, chiamata subito "Moby Dick" con una cilindrata di 3200cc con quattro valvole per cilindro, raffeddamento ad acqua e doppia sovralimentazione. Il Mondiale Marche nel 1978 è stato vinto da una 935 di Kremer e Georg Loos. Così si decise di lasciare ai privati Porsche questo Campionato, mentre la casa di Stoccarda si concentrò sulla progettazione di una nuova vettura da corsa per un campo del tutto nuovo. Ma le 935 non corsero solo in Europa, oltre oceano in gare IMSA colsero numerosi successi. In queste gare americane le 935 hanno avuto delle livree stupende.

 

935/1 - 935/76 - 935/77 -(1976/1977)

La 935 un 6 cilindri di 2.8 litri omologata nel nuovo Gruppo5 fu la prima ad essere attrezzata di 4 alvole per cilindro. Per il turbo la pressione di utilizzazione era di 1,5 bar modificabili dall'abitacolo, alla 935/77 sono state apportate delle piccole modifiche, ma con un motore doppio turbo di 2.8 litri.

935/2.0 "baby" 1977

Motore 6 cilindri di 1.4 litri, la cassa è stata allegerita al massimo per raggiungere il peso limite della categoria 2 litri (campionato tedesco) 725Kg. La baby otterrà una sola vittoria a Hokenheim nel 1977 con Ickx.

 

935/78 "Moby Dick"1978

Con un motore 6 cilindri biturbo di 3.2 litri e con una velocità di 358Km/h, fu preparato essenzialmente per la 24H di Le Mans.

935/76

Il modello originale della vettura era denominato semplicemente Porsche 935, ma in seguito divenne 935/76 per non confonderlo con le evoluzioni successive. Il motore era una variante del classico 6 cilindri boxer da 3 litri. Aveva 2.850 cm³ ed era dotato di un turbo singolo, quindi gareggiava nella classe "4 litri" poiché le auto sovralimentate erano sottoposte a un fattore di penalità di 1,4 (infatti 4.000 cm³:1,4=2.857). Questo motore erogava 560 CV (420 kW) se la pressione del turbo era regolata a 1,2 bar, mentre quando la pressione raggiungeva 1,5 bar la potenza era di 630 CV .

 

Anche se la Porsche dominava la GT corsa nella seconda metà degli anni '70 con il 935, i fratelli Kremer credevano di poter migliorare le auto da corsa costruite in fabbrica. Manfred e Erwin Kremer gestiscono una concessionaria Porsche e nel loro tempo libero Erwin ha corso con successo Porsches preparato da Manfred. Dal 1977 Manfred si è arresa e ha iniziato a modificare ampiamente le auto da corsa. Nel 1978 il Kremer costruì 935 K2 formando un degno avversario per i regolari 935s, segnando diverse vittorie. Un altro inverno di sviluppo ha trasformato la Kremer 935 in un'auto da corsa di classe mondiale.

 

 

Il focus di Manfred Kremer era quello di ridurre il peso. Questo è stato uno dei motivi principali per sostituire l'intercooler aria-acqua montato in fabbrica con un intercooler aria-aria. Questo ha anche eliminato il rischio di perdite nel sistema di raffreddamento. Il motore a tre litri di sei piani è stato trasportato dalla fabbrica costruita 935, anche se negli anni successivi è stato offerto un motore leggermente più grande di 3,2 litri. A seconda del livello di spinta il motore a due motori Turbo è stato buono per ovunque tra i 740 ei 800 hhp. Il potere è stato trasferito alle ruote posteriori attraverso un cambio manuale a quattro velocità.

 

Le 935 "americane"

 

La vettura fu impiegata da molti team privati nel campionato statunitense IMSA GT, che si rivolsero a vari specialisti per realizzare delle versioni uniche della vettura che andassero oltre le prestazioni dalle versioni "clienti". Queste 935 erano caratterizzate da innovazioni telaistiche che videro l'impiego dapprima di telaietti ausiliari, come la 935J realizzata dalla tedesca Joest Racing che vinse alla 24 Ore di Daytona del 1980 e fu poi ceduta al team statunitense MOMO, e successivamente la creazione di telai completamente tubolari come quello delle JLP-2 e JLP-3 di John L. Paul senior, fino ad arrivare al telaio monoscocca in fogli di alluminio rivettati della 935 L1 di Bob Atkin.

 

935 BiTurbo 4x4

 

Basandosi sulla 935 ne venne prodotta anche una versione BiTurbo 4x4 atta ad essere impiegata nel Campionato europeo di rallycross. Dotata di un propulsore da 750 cv, ottenne la vittoria nella Divisione GT con il pilota finlandese Matti Alamäki nel 1985.

1977

Per il 1977, Porsche ha cambiato vari aspetti del design, inclusi i punti di sospensione più elevati e un'area rivista di ala / finestra retro. Per approfittare delle regole, Porsche ha montato una seconda finestra posteriore rispetto a quella standard per mantenere ciò che il CSI ha chiamato la struttura del corpo. Ciò consentiva agli ingressi dell'intercooler di sedersi su ciascun lato degli stantioni dell'ala posteriore e aiutato a controllare l'aria nell'ala.

 

Un'ulteriore modifica del corpo comprendeva tavole di running che hanno contribuito a gestire il flusso d'aria sotto l'auto. Gli specchi erano anche completamente integrati nel disegno.

Porsche 935 '1976  6 Ore di Vallelunga

Driven by: Jacky Ickx (B)/Jochen Mass (D) winner

Porsche 935 '1976   6 Hours Silverstone

Driven by: Jacky Ickx (B)/Jochen Mass (D) 

Porsche 935 '1976  24 Heures du Mans

Driven by: Manfred Schurti (FL)/Rolf Stommelen (D)

Porsche 935 '1976  6 Hours Dijon

Jacky Ickx (B)/Jochen Mass (D) winner

Porsche 935 '1977" 24 Hours of Daytona

Porsche N°3  Carlo Facetti (I)/Martino Finotto (I)/Romeo Camathias (CH)

Porsche N°8  Reinhold Jöst (D)/Bob Wollek (F)/Albrecht Krebs (D)

Porsche 935 '1977" DRM Zolder

Vaillant Kremer- Driven by: Bob Wollek (F)

Porsche 935/77 '1977" Silverstone 6 Hours

Driven by: Jochen Mass (D)/Jacky Ickx (B) winner

Porsche 935/77 '1977"  Nürburgring 1000 Kilometres 

Driven by: Tim Schenken (AUS)/Rolf Stommelen (D)/Toine Hezemans (NL) winner

Porsche 935/77  N°41 '1977"  Le Mans 24 Hours

Driven by: Rolf Stommelen (D)/Manfred Schurti (FL)

Porsche 935 K2 '1977"  DRM Norisring

Vaillant-Kremer  Driven by: Bob Wollek (F)

Porsche 935 Turbo 1977 Nürburgring 1000 Km

Driven by: Manfred Schurti (FL)/Helmut Kelleners (D)

Porsche 935 Turbo 1977 Nürburgring 1000 Kilometres
Driven by: Leo Kinnunen (SF)/Jürgen Neuhaus (D)/Albrecht Krebs (D)

Porsche 935/77 1977 Watkins Glen 6 Hours
winner: Driven by: Jochen Mass (D)/Jacky Ickx (B)

Porsche 935/2.0 'Baby'

C'erano molti cambiamenti di dettaglio per la marcia, la sospensione e l'aerodinamica, ma ciò che ha realmente impostato il 935/77 a parte il suo predecessore era il motore. Sostituendo il singolo grande turbocompressore erano due unità KKK più piccole. Questi sono stati utilizzati nella speranza di ridurre il ritardo Turbo e ha anche visto l'aumento delle prestazioni a 630 bhp e 680 bhp alla fine della stagione. Con i bugs completamente stirati, era molto poco la concorrenza poteva fare e la squadra di Works di due automobili regnava supremo. Uno 935 è stato messo in campo a Le Mans, ma è stato costretto a ritirarsi abbastanza presto con un motore soffiato.

 

Nel campionato tedesco estremamente competitivo e prestigioso, c'erano gare di gruppo 5 separate per le vetture "Division One" di meno di due litri e per la "Divisione 2" per nient'altro. BMW e Ford avevano combattimenti molto divertenti nella Divisione One, mentre Porsche era l'unico serio contendente nella seconda divisione. Peggiorò anche per Porsche quando fu annunciato che solo la gara di due litri del 1977 Norisring sarebbe stata trasmessa in televisione. Soprattutto per dimostrare un punto e per ottenere un po 'di tempo supplementare, il supremo di Porsche Motorsport Ernst Fuhrmann ordinò al suo dipartimento di costruire un derivato 935 che sarebbe inserito nella classe a due litri con meno di due mesi per andare prima della corsa Norisring.

Tenuto conto del fattore di equivalenza 1,4, il motore a sei cilindri potrebbe spostare non più di 1425 cc e per il 935 / 2.0 o 'Baby', gli ingegneri di Porsche hanno portato lo spostamento fino a esattamente quello. A differenza dei 935/77, il 'Baby' ha fatto funzionare un solo turbocompressore, ma ha comunque prodotto un incredibile 380 bhp. Sorprendentemente, inoltre, riuscirono a portare il peso fino al minimo del peso minimo di 750 kg dagli 880 chilogrammi che i 935 non sbucciati pesavano dentro.

Brumos Porsche twin-turbo 935 n. 99 guidato alla vittoria complessiva nel 1976 Rolex 24 At Daytona di Rolf Stommelen, Antoine Hezemans e Peter Gregg è l'ultima aggiunta alla visualizzazione di Rolex 24 At Daytona Autovetture di campionato per celebrare il 50 ° anniversario della sfida due volte intorno al giorno 28-29 gennaio.

Il No. 99 ha portato una prestazione dominante da Porsche nella sfida due volte intorno al giorno del 1978. Dopo il primo giro, il Brumos Porsche ha preso il punto nel 14 ° giro e non ha mai abbandonato la posizione per il resto della gara.

Sebbene l'auto fosse in ritardo per impostare un nuovo record di gara, la squadra si è fermata durante la mezz'ora finale della gara per pulire l'auto e applicare nuove decalcomanie per poter mettere in scena una foto del gruppo Porsche. Stommelen, Hezemans e Gregg hanno preso la bandiera a scacchi con un margine di vittoria a 30 giri e una velocità media di 108.743 mph, e Porsche ha spazzato le prime sette posizioni in gara.

Gregg, che guidava la vettura sorella della squadra, il No. 59 Brumos Porsche single-turbo 935 con Claude Ballot-Lena e Brad Frissele, ha guidato uno spostamento nella vettura n. 99 nelle prime ore del mattino della gara. Per Gregg, uno dei piloti più riusciti del Rolex 24, è stato il suo quarto e ultimo trionfo nella dura corsa di resistenza.

Per Stommelen, la vittoria di Rolex nel 1978 è stata la sua seconda di quattro trionfi nel Rolex 24. Con Scott Pruett, Stommelen ha la distinzione di vincere il Rolex 24 in tre diversi decenni.

Porsche-935-78--Moby-Dick

 

Anche se le varie varianti della Porsche 935 erano decimanti dell'opposizione nella classe del gruppo 5, gli ingegneri di Porsche a Weissach hanno continuato il lavoro di sviluppo. Per il 1978 la squadra di Norbert Singer ha prodotto la più estrema carriera da 911 a base di corse. Mentre ancora costruito ai regolamenti del Gruppo 5, è stato sviluppato anche per una vittoria potenziale vincente a Le Mans contro i piloti prototipo su misura.

La partenza delle teste tradizionali raffreddate ad aria è stata determinata dall'utilizzo degli alberi a camme a doppio sovraccarico. Non c'era altro modo per raffreddare le candele, che non erano più montate nel flusso d'aria, ma si trovavano tra i due alberi a camme. Quello che rimaneva era una testa separata per ogni cilindro. Queste quattro valvole sono montate per cilindro per una respirazione ottimale. In definitiva limitata dal design dell'albero a gomito, il motore ha spostato poco più di 3,2 litri. Grazie al metodo più raffinato di raffreddamento, il rapporto di compressione potrebbe essere portato a 7,0: 1 da 6,5: 1 sui motori precedenti. Correndo ad una turbocompressione affidabile di 1,5 bar il motore ha ufficialmente prodotto 750 CV a 8200 giri / min. Per qualificare la spinta potrebbe essere aumentata a 1,7 bar, che era sufficiente a forzare 845 bhp dal motore a sei cilindri.

Sebbene sia stata allargata e rafforzata, la sospensione aveva un aspetto simile a quello dei 935 precedenti. All'interno delle braccia di sospensione in alluminio posteriori sono state montate per creare spazio per ruote massicce da 19 pollici. L'abbassamento complessivo della vettura richiedeva inoltre che il cambio a quattro velocità venisse montato a testa in giù. Questo ha ridotto notevolmente l'angolo in cui gli alberi di trasmissione dovevano lavorare sotto. Tenuto conto del fattore di turbo equivalenza di 1,4, il motore da 3,2 litri ha posto il nuovo 935 nella categoria di oltre quattro litri. Il peso minimo in questa categoria è stato di 1025 kg, che ha posto maggiore enfasi sui freni. Sono stati installati nuovi dischi ventilati e cross-drilled che persino hanno eclissato quelli montati sui 917 prototipi di corsa progettati appositamente.

In una semplice livrea bianca, i primi 935/78 furono inviati a Paul Ricard per testare. E 'stato rapidamente dato il soprannome "Moby Dick" dopo la balena bianca che ha recitato nel romanzo di Herman Melville con lo stesso titolo. Le prime sessioni di prova erano lontane da problemi con il nuovo motore che ha causato molti mal di testa agli ingegneri. Con la vista fissata saldamente a Le Mans, Porsche ha deciso di sedere fuori la maggior parte dei round di campionato del mondo. C'era anche poco senso concorrere in questi eventi poiché Porsche sarebbe in prima fila contro i propri clienti. A 6 ore di Silverstone, 'Moby Dick' è stato dato il suo singolo spettacolo davanti a Le Mans. Jochen Mass e Jackie Ickx erano quasi due secondi al giro più velocemente nelle qualificazioni e hanno vinto la gara con un margine di sette giri rispetto a un ingresso privato di 935.

A causa dei problemi di prova, solo un singolo 'Moby Dick' è stato messo in campo nelle 24 ore di Le Mans. Ha immediatamente mostrato il suo potenziale volando lungo la Mulsanne Straight ad una sorprendente 365 km / h. Circondato da corridori di prototipo appositamente costruiti, la 'produzione' 935/78 ha fissato il secondo tempo più veloce nelle qualifiche. Durante la gara, Rolf Stommelen e Manfred Schurti si trovavano di nuovo confrontati con i problemi del motore. Ha sofferto di un incendio per la maggior parte della corsa e con un terzo per andare una perdita di olio è stata scoperta. I due tedeschi nutrivano l'automobile all'ottavo posto. Dopo la gara, è stato trovato un problema minore che probabilmente non avrebbe causato problemi. Dopo le Mans, 'Moby Dick' è stato messo in campo solo due volte di più, ritirandosi dal comando in entrambe le occasioni.

Alla fine dell'anno, Porsche ha annunciato il suo ritiro dalla corsa, effettivamente terminando la carriera da competizione 935/78. Si ritiene che Porsche costruisca un'auto completa e un telaio di ricambio destinato ad essere utilizzato nel 1979. L'automobile completata è stata orgogliosa di posto nel museo della fabbrica di Porsche mentre il ricambio è stato venduto e solo recentemente incorporato in un'auto completa. Nel 1981 Reinhold Joest usa disegni Porsche per costruire la propria "Moby Dick" ma non ha avuto il beneficio del sofisticato motore. Da allora molti altri avevano seguito l'esempio di Porsche e due auto di Joest non potevano fare meglio di parecchi secondi posti nella serie IMSA. Ironia della sorte, uno di loro è stato coinvolto in un incidente mortale che ha colto la vita di uno dei piloti originali di Moby Dick, Rolf Stommelen.

1981 Joest 935/78 'Moby Dick'

1988 Porsche 935/78 Joest Racing 

 Porsche 935/78-81  (Joest) - Momo Corse

Porsche 935/78-81  (Joest) 

Porsche 935/78 Daytona 

 Porsche 935 78 Moby Dick - Spa-Francorchamps

Porsche 935/78 Daytona

1978 Daytona 24 Hours Porsche 935/77

Driven by: Danny Ongais (USA)/Ted Field (USA)/Milt Minter (USA)

Porsche 935  WINNER 12 Heures de Sebring 1978 

Driven by: Brian Redman (GB)/Charles Mendez (USA)/Bob Garretson (USA)

Porsche 935  Hockenheimring 1978

Driven by: Bob Wolleks Kremer

MOMO Porsche 935 at Sebring 1978.

1978 Le Mans 24 Hours

Driven by: Herbert Müller (CH)/Claude Haldi (CH)/"Nico" (CH)

1978 Le Mans 24 Hours  Porsche 935/77

Driven by: "John Winter" (D)/Dieter Schornstein (D)/Philippe Gurdjian (F)

1978 Misano 6 Hours   Porsche 935/77

Driven by: (Bob Wollek / Henri Pescarolo )